Home » Gallery » Eudicotiledoni » Primulaceae » Primula vulgaris

Primula vulgaris Huds.

Primula vulgaris Huds. (= Primula acaulis [L.] Hill.) è una specie delle Primulaceae diffusa allo stato spontaneo nell'Europa occidentale, centrale e settentrionale, in Africa nord-occidentale (Atlante marocchino e algerino) e in Asia occidentale (Anatolia, Georgia e Caucaso). Tende a divenire rara, fino a scomparire, nelle aree con bioclima mediterraneo particolarmente  accentuato (forte e prolungata aridità estiva) e in quelle soggette a regimi climatici marcatamente continentali (inverni molto rigidi con suoli gelati  in profondità per molte settimane consecutive).

Primula vulgaris

Morfologia

Appartiene al subgenere Primula, di cui fanno parte le specie dotate di un rizoma breve, che possiedono foglie non farinose, con prefogliazione revoluta e lamina di consistenza erbacea e ± rugosa.

Primula vulgaris Huds. possiede un breve rizoma (2-4 cm) obliquo, dal quale si dipartono grosse radici carnose biancastre. Le foglie sono disposte in rosetta basale, hanno lamina oblancolato-spatolata, progressivamente ristretta alla base, con margine dentellato-eroso ed apice ottuso o arrotondato, sono lunghe fino a 10 cm alla fioritura ma possono superare i 20 cm al momento del completo sviluppo; la superficie fogliare è rugosa con sparsi peli non ghiandolari. I fiori di colore giallo pallido ed eterostili, sono inseriti direttamente al centro della rosetta fogliare e sono portati da piccioli lunghi fino a 7 cm; il tubo calicino (3 x 15-17 mm) possiede denti lesiniformi lunghi poco meno della parte indivisa; la corolla è di colore giallo pallido (zolfino) con tubo corollino strettamente cilindrico (2-4 x 13-20 mm) e lobi obcordati di 7-12 x 10-15 mm. La fioritura avviene di norma tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera (febbraio-aprile), tuttavia singoli fiori possono essere presenti già in novembre o dicembre.

In alcune popolazioni si presentano forme caulescenti, con asse fiorale completamente sviluppato, queste piante sono state descritte come Primula vulgaris Huds. var. caulescens Koch, tuttavia non sembrano possedere alcun valore tassonomico e possono essere interpretate come semplici forme individuali. 

Allo stato naturale, in territorio italiano, è presente solo Primula vulgaris Huds. subsp. vulgaris, con fiori giallo pallido; tuttavia, in prossimità dei centri abitati, si rinvengono talvolta esemplari con fiori rossi o rosei, si tratta con ogni probabilità di cloni orticoli, derivanti da Primula vulgaris Huds. subsp. rubra (Sm.) Arcang. (= Primula sibthorpii Hoffmans.) dei Balcani orientali e dell’Anatolia. Primula vulgaris Huds. si ibrida con altre specie appartenenti al subgenere Primula, in particolare con Primula veris L., con Primula intricata Gren. & Godr. e con Primula elatior (L.) Hill.

Corologia ed ecologia

Specie nota di tutte le regioni italiane, ad eccezione della Sardegna (Bartolucci & alii, 2018). Nelle regioni settentrionali e centrali è presente nelle pianure e nelle zone litoranee, procedendo verso Sud la sua presenza tende ad essere limitata alle zone montuose e alle aree interne. In Liguria Primula vulgaris Huds. susp. vulgaris è ampiamente diffusa e spesso molto abbondante, tuttavia nella fascia costiera tende ad essere confinata nelle aree con microclima fresco e umido (boschi alveali, pendii esposti a Nord, aree di impluvio). Gran parte delle popolazioni presenti in territorio ligure si colloca nella fascia altimetrica compresa tra il livello del mare e i 1000 m di altitudine, anche se occasionalmente la specie può risalire a quote più elevate (fin verso i 1400 m in alta Val Nervia e in alta Valle Argentina).

Vegeta in boschi caducifogli: boschi alveali, castagneti, querceti a rovere, querco-carpineti, ostrieti, faggete termofile. Predilige suoli abbastanza profondi, freschi, con medio tenore di umidità, ricchi in humus e sostanze nutritizie, da neutri a subacidi.

Bibliografia

    • Bartolucci F., Peruzzi L., Galasso G., Albano A., Alessandrini A., Ardenghi N.M.G., Astuti G., Bacchetta G., Ballelli S., Banfi E., Barberis G., Bernardo L., Bouvet D., Bovio M., Cecchi L., Di Pietro R., Domina G., Fascetti S., Fenu G., Festi F., Foggi B., Gallo L., Gottschlich G., Gubellini L., Iamonico D., Iberite M., Jiménez-Mejías P., Lattanzi E., Marchetti D., Martinetto E., Masin R.R., Medagli P., Passalacqua N.G., Peccenini S., Pennesi R., Pierini B., Poldini L., Prosser F., Raimondo F.M., Roma-Marzio F., Rosati L., Santangelo A., Scoppola A., Scortegagna S., Selvaggi A., Selvi F., Soldano A., Stinca A., Wagensommer R.P., Wilhalm T. & Conti F. (2018a). An updated checklist of the vascular flora native to Italy. Plant Biosystems, 152(2): 179-303.
    • Pignatti S. (2018). Flora d'Italia (seconda edizione), 3: 10-12. Milano.
    • Tison J.-M., Jauzein Ph., Michaud H. (2014). Flore de la France mediterranéenne continentale: 1223. Tourriers.

Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris
Primula vulgaris